Anello di Fallistro-Macchianello-Botte Donato

Sabato 18 giugno 2022

 

Carissimi Amici della Montagna,

dopo la bella escursione al Cannitello in compagnia degli amici di Asproseby che salutiamo con affetto, da calendario avremmo dovuto restare in zona Orsomarso per affrontare la mitica Montea. Purtroppo per problemi logistici dobbiamo al momento rinunciare. Ma non vogliamo sicuramente restare a casa e allora vi proponiamo un cambio di location, e ci spostiamo nella frescura silana, con un percorso tradizionale, ma fra i più belli di questo territorio, e che non smette mai di regalarci tanta emozione: l’anello di Fallistro, Botte Donato e Macchia Fraga.

Il percorso è impegnativo per la lunghezza e alcuni tratti in salita nella parte iniziale, ma ci permetterà di cogliere in un solo itinerario gli habitat e la flora più significativi e rappresentativi della Sila. Questa volta, per questioni organizzative, proponiamo l’escursione di sabato, con la speranza che questo non ostacoli la vostra partecipazione (e domenica ve ne possiate andare al mare).

Vi aspettiamo,
Il Direttivo

 
 
 
Note tecniche
Numero di partecipanti: max 25
Tipo di percorso: sentiero, carrareccia, fuori sentiero
Codice del sentiero: Sentiero  SI U20/CAI 403 + CAI 422
Lunghezza: 13 km A/R
Dislivello: 600 m.
Tempo di percorrenza: 8 h circa
Livello tecnico: E
Ritrovo: ore 8,30 presso Piazzale Fallistro, in fondo alla strada che porta alla Riserva dei Giganti della Sila, uscita per Croce di Magara.



Vestizione: a strati. Pantaloni tecnici, maglietta interna in microfibra, maglietta esterna pile/micropile, guscio antivento e possibilmente impermeabile, cappellino, bastoncini da Trekking, occhiali, mantellina antipioggia.
Scarpe: Trekking impermeabili a caviglia alta (portare ricambio scarpe perché è possibile che ci si bagni)
Attrezzatura: bastoncini, lampada frontale, binocolo, ecc.
Zaino: escursionistico obbligatorio, 30 L (consigliato).
Pranzo: a sacco
Alimentazione: es. alimenti pronti al consumo rapido, barrette energetiche, frutta fresca o disidratata, secca e a guscio, 2 litri di acqua, tavoletta di cioccolata fondente, fette di pane già pronte con affettati, formaggi ecc., pezzetti di formaggio.
Indicazione di sorgenti lungo il percorso: NO

Trasferimento sul posto: mediante autovetture private, possibilmente organizzate in gruppi di massimo 3 persone (Attenersi alle Disposizioni COVID).
Si raccomanda di prendere atto delle liberatorie che devono essere firmate alla presenza degli Organizzatori di Escursione.
http://www.admcalabria.it/images/2021/liberatoria.pdf
 
Liberatoria in caso di partecipazione all’escursione di un minorenne.
http://www.admcalabria.it/images/2021/liberatoria_minore.pdf

 
Organizzatori di Escursione
Carmen Gangale, Francesco Bruno, John Jansen, Rosa Libera Pellicori

Prenotazioni
Carmen Gangale 3283144031

Termine prenotazioni Giovedì, 16/6/2021.


Descrizione
L’escursione ha inizio presso il piazzale di Fallistro a quota 1430 m al termine della strada che conduce alla Riserva dei Giganti della Sila. Qui lasceremo le macchine e ci incammineremo lungo il Sentiero Italia/CAI 403 che zigzagando nella faggeta segue in parte un immissario di sinistra del Neto, guadando più volte il torrente, ci affacceremo sul versante sud-est di Macchianello che costeggia il corso principale del Fiume Neto. Qui potremo soffermarci ad osservare le numerose fioriture che in questo periodo colorano i prati aridi e le praterie umide e, con una certa attenzione ci spingeremo fino ai lembi di sfagneta ed altri habitat palustri che caratterizzano questo tratto del fiume. Qui potremo osservare numerose specie rare e se saremo fortunati troveremo anche le prime fioriture dell’elefantina (Rhyncocorys elephas) e le ultime della Viola palustre, altra rarità silana. Sì, perché questo itinerario raccoglie veramente quasi tutte le rarità della flora silana, ma per poterle ammirare al meglio bisogna coglierle al momento giusto. Continueremo a salire fino alla Sella di Monte Botte Donato per poi proseguire fino alla cima di Botte Donato (1929 m), la vetta più alta della Sila. Per il ritorno sotto la Sella di Botte Donato imboccheremo il sentiero CAI 422 che attraversa la bella e magica faggeta di Timpone della Carcara e conduce a Macchia Fraga, un’altra zona aperta con bellissime fioriture e la possibilità di godere del panorama sul settore settentrionale della Sila.
Qui lasceremo il sentiero che altrimenti ci condurrebbe piuttosto lontano dal punto di partenza, e faremo un percorso alternativo per arrivare direttamente al piazzale di Fallistro, chiudendo l’anello.
 
L’escursione AdM è sempre una festa e la persona è al centro dell’attenzione nella cornice meravigliosa delle montagne calabresi.


Escursione aperta ai soli soci AdM.
 
Per associarsi è necessario provvedere alla compilazione del modulo (domanda_socio_AdM[1] (admcalabria.it)) che deve essere controfirmato da due già soci, aventi il ruolo di referenti e di presentanti del nuovo socio, e può essere inviato telematicamente alla mail dell’associazione o consegnato a mano agli Organizzatori dell’escursione.
Naturalmente, la richiesta di associazione deve essere accettata dal Consiglio Direttivo AdM.
 
E’ possibile provvedere al saldo di tale quota, brevi manu o anche tramite bonifico bancario ai seguenti riferimenti:
Conto Bancoposta IBAN IT32 Y076 0116 2000 0001 7599 879
Num. C/C: 17599879
Titolare: ASSOCIAZIONE AMICI DELLA MONTAGNA


Di seguito link utili all’escursionista:
Programma : http://www.admcalabria.it/images/2021/calendarioEscursioni2021.pdf
Vademecum  http://www.admcalabria.it/images/vademecum.pdf
 
N.B. l’escursione potrà essere oggetto di annullamento o variazioni, sia per la durata che per la distanza da percorrere, per cause non imputabili ai direttori di escursione ma dovute ad eventuali avverse condizioni meteo.

 

 

 

 

Joomla templates by a4joomla