Tirivolo – Monte Spinalba – Monte Femminamorta

 

 

Carissimi,

Dopo i lunghi mesi di lockdown siamo tornati domenica scorsa ad assaporare il gusto di una camminata insieme. Regole e protocolli non ci hanno impedito di godere pienamente di un inizio estate tutto silano ancora generoso di fioriture, acque pullulanti di vita e bellissimi panorami.

Faremo il bis questa domenica, in un altro angolo meraviglioso della nostra Sila alla scoperta dei boschi vetusti del Monte Femminamorta, nel cuore della Sila Piccola, grazie alla proposta del nostro Giuseppe Frisini ed ai soci che lo affiancheranno (Lorena, Daniel, John).

Ancora una volta dovremo osservare le linee guida e mantenere un numero limitato e ristretto ai soli soci, ma il divertimento sarà assicurato! Ricordo inoltre che potranno partecipare all’escursione solo i soci muniti di autocertificazione debitamente compilata e firmata (vedasi allegato).

Vi aspettiamo,

Carmen

 

Allegati
Linee Guida

Modulo di Autocertificazione Sanitaria



*Escursione riservata ai soli Soci AdM Calabria

 

 

Note tecniche

Numero di partecipanti massimo: escursione riservata ai soli soci dell’Associazione, e fino ad un massimo di 15 partecipanti (esclusi gli organizzatori), distinti in due gruppi che partiranno a breve distanza l’uno dall’altro

Tipo di percorso: percorso a cappio attraversosentieri in bosco, sterrate, carrarecce

Quota di partenza: 1600 m. di altitudine

Quota minima: 1500 m. di altitudine

Quota massima: 1730 m. di altitudine
Dislivello in salita: 400 metri
Lunghezza: 16 km
Tempo di percorrenza: 6-7 ore circa  
Livello tecnico: E
Ritrovo: 

Località Tirivolo, ore 9,30, lungo la Strada provinciale 22, direzione Buturo, in prossimità dello svincolo per Tirivolo

https://www.google.com/maps/dir/39.0996046,16.6182303/39.0995984,16.6182652/@39.1016106,16.6102046,16z/data=!4m2!4m1!3e0

Organizzatori di Escursione: Giuseppe Frisini, Lorena Fabiano, Daniel Gullì, John Jansen

Prenotazioni: Giuseppe Frisini (cell. 347/3657382) entro venerdì ore 18,00

 

Descrizione

L’escursione si sviluppa in un’area della Sila Piccola tra le più belle e ricche sul piano ambientale e paesaggistico, e si snoda nello scenario di ampie alture coperte da pini larici, faggi ed abeti, che si alternano a verdeggianti valli e praterie, nonché a punti panoramici di alta quota di straordinaria bellezza.

Gli escursionisti si troveranno nelle immediate vicinanze della Riserva naturale del Gariglione, caratterizzata dalla presenza di una foresta secolare e selvaggia, che il naturalista inglese Norman Douglas, nel suo diario di viaggio “Old Calabria” (1915), dopo averla percorsa a piedi, definì un autentico “Urwald”, cioè una foresta vergine mai toccata dall’uomo. Infatti, la scarsa antropizzazione dei luoghi ha preservato la foresta caratterizzata dalla presenza di giganteschi pini larici, faggi e abeti bianchi particolarmente resistenti alle piogge acide.

L’escursione ha inizio da Tirivolo, località in cui, secondo ricerche scientifiche internazionali, l’aria è ritenuta la più pulita di Europa, addirittura più pulita di quella delle Isole Svalbard, vicino il Polo Nord.

Posteggiate le autovetture nello spiazzo antistante il piccolo e caratteristico Villaggio Grechi (un tempo villaggio di sosta ed accampamento per gli operai delle industrie boschive e per i carbonai, riconvertito, nei decenni successivi al dopoguerra, in villaggio turistico), ci si incammina attraversando il villaggio ed i boschi contermini, per poi giungere, dopo aver percorso circa 3 chilometri in piano, in località Spinalba.

Da qui inizia il sentiero, percorso quasi integralmente all’ombra, immerso in un bellissimo e fitto bosco, in ottimo stato di conservazione, costituito in prevalenza da faggi ed abeti bianchi ad alto fusto (con esemplari vetusti di almeno 200 anni), alcuni dei quali superano i 40 metri di altezza.

Entrando in questi boschi ci si trova in una fitta foresta silenziosa e magica, dove gli abeti più piccoli sono avviluppati lungo i tronchi dei grandi faggi, in una competizione per la luce e per la vita, ma anche in una relazione di reciprocità e condivisione degli spazi.

Entrare ed attraversare il bosco nella sua maestosità, è come entrare in un libro delle favole ove, se fortunati, è possibile incontrare elfi e folletti …..

Il gruppo di escursionisti, dopo aver percorso in agevole saliscendi quasi due chilometri immersi nel fitto bosco, giungerà prima nei pressi del Monte Spinalba (1700 m. di altitudine) e, dopo aver percorso altri due chilometri circa, giungerà nei pressi del Monte Femminamorta (1.730 m. di altitudine), terzo monte più alto della Sila piccola dopo il Monte Gariglione ed il Monte Scorciavuoi.

Da qui inizia un percorso in leggera discesa che porterà il gruppo ad attraversare una piccola radura, per poi raggiungere un’ampia area pic-nic ove fare una breve pausa.

Si riprende quindi la direzione per il ritorno, e si intraprende un vecchio tratturo che, dopo qualche chilometro in leggera salita, e con attraversamento più volte di un piccolo torrente, in parte fuori sentiero, consente di intersecare il sentiero percorso all'andata in prossimità del Monte Femminamorta. Da qui si continua il sentiero, in leggera salita, che porterà il gruppo prima in località Spinalba e, successivamente, al punto di partenza.

 

Vestizione: a strati. pantaloni tecnici, maglietta interna in microfibra, maglietta esterna tecnica e sintetica, guscio antivento e possibilmente impermeabile, cappellino, crema solare, bastoncini da trekking, occhiali, mantellina antipioggia.

Scarpe: trekking impermeabili.

Attrezzatura: macchina fotografica, lampada frontale, binocolo ecc.

Zaino: escursionistico obbligatorio.

Pranzo: a sacco

Alimentazione: alimenti pronti al consumo rapido, barrette energetiche, frutta disidratata, frutta secca e a guscio, 2 litri di acqua, tavoletta di cioccolata fondente, fette di pane già pronte con affettati, formaggi ecc., pezzetti di formaggio.

Assenza di sorgenti lungo il percorso.

Equipaggiarsi del ricambio di maglietta interna da sostituire se sudata.

Trasferimento sul posto: mediante autovetture private.

 

L’escursione AdM è sempre una festa e la persona è al centro dell’attenzione nella cornice meravigliosa delle montagne calabresi.

 

Per associarsi è necessario provvedere alla compilazione del modulo

(http://www.admcalabria.it/images/domanda_socio_AdM.pdf) che deve essere controfirmato da due già soci, aventi il ruolo di referenti e di presentanti del nuovo socio, e può essere inviato telematicamente alla mail dell’associazione o consegnato a mano agli Organizzatori dell’escursione.
Naturalmente, la richiesta di associazione deve essere accettata dal Direttivo AdM.

E’ possibile provvedere al saldo di tale quota, brevi manu o anche tramite bonifico bancario ai seguenti riferimenti:

Conto Bancoposta IBAN IT32 Y076 0116 2000 0001 7599 879

Num. C/C: 17599879

Titolare: ASSOCIAZIONE AMICI DELLA MONTAGNA

 

 

Di seguito link utili all’escursionista:

Programma: http://www.admcalabria.it/images/2020/calendario-2020.pdf?fbclid=IwAR1q8hKBAjuxFnQLAIL8fiUCXT7uVMUICwNAGJBaziASwhB9isUwXhRTogo
Vademecum http://www.admcalabria.it/images/vademecum.pdf

N.B. l’escursione potrà essere oggetto di annullamento o variazioni, sia per la durata che per la distanza da percorrere, per cause non imputabili agli Organizzatori di Escursione ma dovute ad eventuali avverse condizioni meteo.

Joomla templates by a4joomla